Da San Miniato

Qualche stimolo raccolto durante il convegno Geografia della drammaturgia italiana, sabato 8 settembre a San Miniato:

  • non drammaturgia contemporanea ma «drammaturgia di autore vivo» (Michele Santeramo)

 

  • la «presa di possesso del teatro da parte dei grandi registi», ai danni degli autori (Antonio Tarantino)

 

  • i libri di teatro non dovrebbero essere venduti nelle librerie, poiché «il luogo più adatto è lo spettacolo» (Edoardo Erba)

 

  • i drammaturghi «non sono trascrittori, né scribi» ma scrittori a tutti gli effetti, malgrado la scrittura scenica sia ancora considerata letteratura di serie B (Antonio Tarantino)

 

  •  «ho sempre avuto bisogno di sentire la risposta del pubblico» (Ugo Chiti)

 

  • l’autore contemporaneo dovrebbe diventare un “classico” (Paolo Puppa) ma uno dei problemi della drammaturgia italiana contemporanea è proprio l’assenza di un repertorio (Gerardo Guccini)

 

  • quando si parla di drammaturgia, si parla inevitabilmente della situazione del teatro in Italia… (Attilio Scarpellini)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...