Su un piccolo festival molto coraggioso

La scorsa settimana Amanda ha partecipato a due appuntamenti del festival Fabbrica delle idee, organizzato dalla compagnia Cantoregi nel parco dell’ex ospedale psichiatrico di Racconigi, cittadina a quaranta chilometri di Torino, nota per la sua splendida reggia sabauda e per le cicogne. Vincenzo Gamma e Marco Pautasso, animatori di Cantoregi, hanno energie inesauribili e, accanto al decennale lavoro teatrale di altissima qualità realizzato con gli ex pazienti dell’ospedale psichiatrico, organizzano da tredici anni questa meritoria rassegna che, negli ultimi giorni di giugno, trasforma una sonnacchiosa cittadina della provincia di Cuneo, dove è complicato persino trovare una pizzeria, nel palcoscenico dell’avanguardia teatrale italiana, accogliendo compagnie che Amanda amerebbe tanto scovare sfogliando il programma del teatro stabile cittadino ovvero – e a maggior ragione, data la loro finalità – dei vari stabili d’innovazione torinesi. A Racconigi sono ospiti abituali Babilonia teatro, Ricci & Forte, Lucia Calamaro, Abbondanza & Bertoni, Danio Manfredini e molti altri. E il pubblico – pochissimi i torinesi, moltissimi gli abitanti di Racconigi e dintorni – partecipa entusiasta e fedele, per nulla intimorito da spettacoli non certo tradizionali e non abbelliti da qualche grande nome, magari il solito attore di fiction o di cinema in preda alla nostalgia del palcoscenico (sul quale, probabilmente, non ha mai compiuto neppure un passo). La Fabbrica delle idee è un luminoso esempio di coraggio e di fiducia nel pubblico, qualità di cui purtroppo difettano molti operatori…

30

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...