L’Amleto senza parole di Opera e il corpo sonoro di Masque Teatro

Non c’è neppure un verso dell’Amleto di Shakespeare eppure se ne riconoscono immediatamente situazioni e, più significativamente, umori e pensieri, emozioni e riflessioni. La scorsa settimana Amanda è stata al Teatro dell’Arte di Milano (ex CRT) per assistere a XX, XY, lo spettacolo-installazione-performance che Vincenzo Schino e la sua affiatata compagnia Opera hanno tratto dalla tragedia shakespeariana. Ci sono segni ingombranti e fortemente pregnanti – una scultura che il performer e scenografo Emiliano Austeri realizza sulla scena – e ci sono movimenti e immagini, ma anche una musica evocativa e insolita e voci registrate di un uomo e una donna dalla forte inflessione dialettale. E c’è il pubblico, invitato nella prima parte dello spettacolo a muoversi liberamente per lo spazio scenico, assecondando curiosità e percorsi emotivi affatto personali ovvero lasciandosi guidare dolcemente dalla performer Marta Bichisao, che con discrezione pedina e accerchia gli spettatori, avvolgendoli in coreografie astratte e variate. E, come accennato, neanche una parola di Shakespeare, la cui acuta dissezione dell’animo umano, nondimeno, percorre tutta la performance, avvolgendo e ammutolendo il pubblico. Uno spettacolo da vedere, cui Amanda ha assistito dopo aver partecipato al “concerto” per pianoforte e corpo umano orchestrato da Masque Teatro. Il corpo nudo di una donna rannicchiato su uno stretto lettino e un maestoso pianoforte a coda: il movimento ora ieratico ora testardo della performer genera il suono così che questo giunge  a perdere la sua astratta inconsistenza per acquisire carnale pregnanza. Just intonation – questo il titolo del lavoro della compagnia forlivese – è uno spettacolo di levigata eleganza e non velleitariamente concettuale eppure concluso in se stesso, senza quel reale sviluppo drammaturgico che gli avrebbe consentito di sviare l’insidiosa trappola dell’esercizio di stile.

396dorme

Just intonation, di Lorenzo Bazzocchi, con Eleonora Sedioli, Masque Teatro; XX, XY Primo studio sulla tragedia di Amleto, regia di Vincenzo Schino, drammaturgia di Letizia Buoso, con Marta Bichisao ed Emiliano Austeri, Opera; visti al Teatro dell’Arte di Milano il 6 novembre 2013.       

Annunci

Un pensiero su “L’Amleto senza parole di Opera e il corpo sonoro di Masque Teatro

  1. Pingback: Rassegna stampa 10 - 16 novembre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...