Una notte in compagnia di Emily Dickinson

Ad Amanda è capitato di partecipare a qualche cosiddetta “maratona teatrale”, vale a dire spettacoli la cui durata superava le dieci ore – per esempio I Demoni con la regia di Peter Stein o la trilogia Littoral, Incendies, Forêts di Wajdi Mouawad. In questi casi Amanda trascorreva la sua giornata in un teatro, approfittando degli intervalli per sgranchire le zampe e rifocillarsi. Mai le era capitato, invece, di trascorrere un’intera notte nel salotto di una casa nella periferia di Vercelli, ascoltando le poesie meravigliose di Emily Dickinson ma, anche, bevendo, magiando e, volendo, anche dormendo. Roberta Bosetti e Renato Cuocolo – da molti anni impegnati nella creazione e definizione di una particolare forma di teatro, da mettere in scena in luoghi assolutamente non-teatrali – hanno coinvolto Amanda e altri dodici spettatori-complici in un insolito esperimento di teatro « notturno », riprendendo un discorso iniziato qualche anno prima in Australia con The Diary Project. Lo spettatore è libero di ascoltare la voce di Roberta oppure di dormire e, magari, sognare. Avvolti nell’oscurità, soltanto la lucina rossa della ricetrasmittente che consente di sentire i versi della Dickinson – ma anche, negli intervalli che l’attrice si concede per un caffè o una fetta di pandoro, le conversazioni fra i due padroni di casa – i tredici convenuti assistono certo a una performance teatrale – per quanto insolita – ma, allo stesso tempo, continuano a vivere : c’è chi si addormenta, chi esce a fumare, chi mangia un mandarino oppure beve un po’ di Porto. Vita e teatro entrano l’una nell’altro in un processo osmotico quasi inconsapevole e involontario eppure straordinariamente pregnante. Roberta e Renato riescono realmente – e naturalmente – a trasformare in « straordinario l’ordinario » e , ancora una volta, la loro casa di Vercelli si trasforma in una « trappola della realtà » dalla quale, però, lo spettatore non lotta per uscire, finalmente posto di fronte al proprio sé più profondo.

 Night’s dream before Christmas with Emily Dickinson. A tutti è dovuto il mattino, ad alcuni la notte…, di Renato Cuocolo e Roberta Bosetti, visto a Casa Bosetti, a Vercelli, il 7 dicembre 2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...