Affrontare la morte: su Il diario di Mariapia

Portare in scena la morte –  per di più quella della propria madre – non è una scelta semplice poiché molti sono i rischi che si corrono: trasformare lo spettacolo in una sorta di auto-terapia per venire a patti con un dolore immenso e, in fondo, mai sanabile; eccedere nella retorica ovvero contare sull’immediata emotività del pubblico. Fausto Paravidino, tuttavia, non ha deluso Amanda, e si è dimostrato capace di aggirare tutti i rischi suddetti. Trasformare in materia teatrale il diario che la madre Mariapia tenne nell’ospedale dove trascorse le sue ultime settimane di vita è un tentativo non tanto di esorcizzare la morte quanto di accettarla e di affrontarla quale inevitabile termine della vita. Paravidino  e la sua compagna Iris Fusetti recitano se stessi e danno anche corpo e voce ai tanti personaggi che circondano Mariapia: la sorella Marta, lo zio, le dottoresse – quella cinica e quella, al contrario, eccessivamente allegra e conciliante – il padre di Iris… Ognuno di loro è, suo malgrado, esemplare di un modo diverso di confrontarsi con la morte: chi fa finta di nulla, chi drammatizza eccessivamente, chi mantiene un’innaturale indifferenza. Al centro di questo gruppo di personaggi c’è Mariapia – interpretata dalla brava Monica Samassa, asciutta e ironica come richiede il personaggio – seduta su una sedia a rotelle/trono, intenta a ripercorre la propria vita e a commentare con dolce ironia i comportamenti di medici e familiari. I brevi monologhi di Mariapia, i dialoghi con i familiari e quelli fra questi ultimi fanno spesso sorridere: rispecchiano l’eterogenea quotidianità della vita, le sue gioie e le sue malinconie e, sì, anche la morte, ma questa non è che uno dei suoi aspetti, la suo naturale conclusione…

diario-maria-pia-31

Il diario di Mariapia, scritto e diretto da Fausto Paravidino, visto al CAP10100 di Torino il 20 febbraio 2014.

 

Annunci

Un pensiero su “Affrontare la morte: su Il diario di Mariapia

  1. Pingback: Rassegna stampa 17 - 23 febbraio - Rassegna Stampa, Sentieri critici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...