Tre giovani danz’autori a Teatro Akropolis: sugli spettacoli di Marrapodi-Orlacchio e Valrosso.

Amanda è stata ospite del festival “Testimonianze, ricerca, azione”- organizzato da otto anni da Teatro Akropolis a Genova – in occasione della serata Anticorpi EXPLO, dedicata alla “giovane danza d’autore”.  Una sorta di vetrina organizzata in collaborazione con il Network Anticorpi XL – di cui Teatro Akropolis è referente per la Liguria – la prima rete nazionale indipendente per la promozione della danza contemporanea di qualità. I due brevi spettacoli ospitati dal festival genovese hanno dunque offerto un piccolo ma significativo specchio di tendenze e umori della giovane scena italiana, concentrandosi, in particolare, sul lavoro di tre danzatori: la coppia Marrapodi-Orlacchio e Davide Valrosso. La prima, partendo da un’approfondita riflessione filosofica su simmetrie e antitesi, coesistenza e incontro, mette in scena il difficoltoso ma alfine fruttuoso percorso di avvicinamento fra due creature che, non a caso, vestono in modo speculare al contrario: l’uno maglietta blu e bermuda ocra, l’altro maglietta ocra e bermuda blu. Nella prima parte dello spettacolo i due danzatori occupano spazi distanti del palcoscenico, muovendosi autonomamente e dando vita in sostanza a due assoli: lentamente, però, le direzioni delle rispettive coreografie si avvicinano fino a incontrarsi così da trasformarsi in un passo a due simmetrico e –pur freddamente – appassionato. Rinuncia al solipsismo, riconoscimento della necessità dell’altro e dialogo fervente con quest’ultimo: il duo Marrapodi-Orlacchio sintetizza tutto ciò in venti minuti di danza raffinata e cerebrale, misurata e intima, concentrata ed evocativa. Aggettivi che, in parte, possono essere applicati anche all’assolo proposto da Davide Valrosso, che agisce su una scena limitata sul fondo da un’insolita schiera di coniglietti di plastica bianca. Il danz’autore disegna un altro percorso, quello – in realtà privo di una meta definitiva – alla ricerca della bellezza; un viaggio compiuto avvalendosi della grazia e dell’armonia insite nel gesto e nel movimento così da scoprire, alla fine, quanto nella danza stessa sia già insita quella bellezza che, nondimeno, necessita di attenzione e cura incessanti.

marrapodi orlacchio

Cosmopolitan Beauty, coreografia e danza di Davide Valrosso; La partita sull’aria, coreografia e danza di Nicola Marrapodi e Roberto Orlacchio; visti al Teatro Akropolis di Genova il 29 aprile 2017 all’interno della VIII edizione del festival Testimonianze, ricerca, azioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...